Giovedì 4 febbraio alle 20.00 vi aspettiamo in vivaio con Leonardo Vicari e il libro RIMASUGLI / BOLOGNA SBOCCIA SUI MURI: dalle 19 alle 22, aperitivo con stuzzichini!

*Cos’è RIMASUGLI?*
Una raccolta fotografica, nata dalla curiosità e dall’osservazione dei muri della Bologna dove Leonardo Vicari, giornalista, è nato e cresciuto. Prima la una pagina su facebook, poi un libro: i muri di una città sono pieni di scritte, di voci, di pareri, di punti di vista, di amori perduti, trovati, persi di nuovo, di vittorie, fallimenti, di denuncia e di speranza.
Non è certo uno strumento per incentivare una pratica di scarso decoro urbano: è solo l’osservazione di un volto e l’ascolto di un’esigenza, è un canale comunicativo.
I muri di Bologna hanno una voce personale e collettiva, quello “sbocciare” universale, dove non conta chi scrive, conta chi legge, dove non conta l’intento, conta il risultato.
Dove l’impeto di una trasgressione di qualcuno può essere frutto di riflessione per qualcun altro.

Dalla prefazione “Istruzioni per l’uso” a cura dell’autore

Ci sono storie che partono da lontano, e storie che non arriveranno mai a destinazione. Ma anche sprazzi, battiti, smorfie e pizzicotti, o nicchie di una potenza smisurata, fino a meri rimasugli. (…)

Eppure lo sappiamo bene a chi appartengono quelle impronte: su quei muri ci siamo noi. (…)

Imbrattare è un reato, certamente fa tendenza, ha il fascino peculiare delle trasgressioni, eppure credo in molti casi rappresenti qualcosa di più, un’esigenza manifesta da soddisfare qui-ed-ora. (…)

Mi chiamo Leonardo Vicari, ho 36 anni, non sono un fotografo, non ho mai scritto su un muro, e con questo archivio accumulato dal 2011 ho voluto mettermi nei panni di chi lo ha fatto almeno una volta. Anzi, forse, proprio in quelli di chi lo ha fatto solo una volta, quella volta.

L’autore

LEONARDO VICARI, 36 anni, giornalista per Radio International e Radio Nettuno, è nato a Bologna e, già che c’era, ne ha approfittato per viverci e viverla. Dall’ottobre 2011 ha il vizio di fotografare le storie raccontate, urlate, tatuate sulle pareti della città.

www.giraldieditore.it