in collaborazione con
Pratello R’esiste e MIT – Movimento Identità Trans
in occasione della grande Festa del 25 Aprile 2018 al Pratello

ospite di Senape Vivaio Urbano / IGOR Libreria
Porpora Marcasciano con R-ESISTENZE TRANS ,
che insieme a Stefania Voli ci parla, tra l’altro, del suo ultimo libro
L’Aurora delle Trans Cattive – Edizioni Alegre

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

“Se ti battezzano come disforica è chiaro che disforicamente ti costruisci, se ti definiscono patologica è chiaro che come malata ti muovi, se ti considerano criminale, depravata, degenerata non potevamo essere sante, tantomeno diventarlo, benché oggi tra molte consorelle l’aspirazione più diffusa sembra sia diventata quella di essere o sentirsi normali. «Io sono una persona normale», si precisa, ripetendolo affannosamente a un mondo la cui unica monolitica normalità resta esclusivamente la propria, ma sembra che tutto questo non sia chiaro. Proporrei di farcene una ragione, per vivere più tranquillamente senza affanni da perfezione. Essere non normali lo trovo più agibile, pratico, coerente se di coerenza si può parlare. Eviterei anche la parola diversi, perché essa presuppone l’altro da sé, quello non diverso, quindi uguale, quindi normale. Sarebbe come svilire, privare di senso le tantissime meravigliose creature che negli anni ho incontrato, svuotandole della loro splendente dignità.”

Porpora Marcasciano, presidente onorario Mit (Movimento identità trans), ha pubblicato per Alegre AntoloGaia. Vivere sognando e non sognare di vivere: i miei anni Settanta (2015). È autrice anche di Tra le rose e le viole – La storia e le storie di transessuali e travestiti (Manifestolibri, 2002) e di Favolose narranti. Storie di transessuali (Manifestolibri, 2008), e ha curato insieme ad altri Elementi di critica trans (Manifestolibri, 2010).

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *